Seguici

L’Amarone Rocca Sveva Riserva 2003 di Cantina di Soave conquista i 5 grappoli di Bibenda 2013, il massimo riconoscimento della guida ufficiale dell’Ais (Associazione italiana sommelier). La pubblicazione, che si chiamava Duemilavini, presenta quest’anno una nuova veste, a cominciare proprio dal nome. Il rosso veronese premiato è descritto nella guida: “Rubino impenetrabile, ampio ed elegante all’olfatto con le note balsamiche e mentolate a fare da apripista a sentori di spezie dolci, di cioccolato e violetta appassita. Chiude su note minerali e vaniglia. Vitale in bocca, equilibrato e ricco. Ingresso morbido sorretto da buona verve acida, sottile e vellutata trama tannica. Finale ammandorlato con coerente ritorno del quadro olfattivo. Lunghissima persistenza. 48 mesi in botti di Slavonia. Perfetto con una Chianina al sangue”. Per Cantina di Soave è un anno di interessanti risultati. L’Amarone Rocca Sveva 2006 ha ottenuto la medaglia d’oro all’International Wine Challenge nell’ambito della London International Wine Fair; quindi con l’Amarone Trophy è stato il migliore vino Amarone in assoluto; con il Veneto Trophy il migliore vino veneto e con l'Italian Red Trophy il migliore vino rosso italiano. Mentre al Mundus Vini, in Germania, ha vinto la medaglia d’oro. La presentazione ufficiale di Bibenda 2013 si terrà il 23 novembre nel Salone dei Cavalieri dell’Hotel Rome Cavalieri. Info www.cantinasoave.it

Il Ristorante nell’Orto è la novità di Peppe Zullo, lo chef contadino di Orsara di Puglia (Foggia), un'interessante proposta di cucina naturale che valorizza i prodotti della Daunia. E’ stato aperto qualche giorno fa nella tenuta di Villa Jamele ed è allestito al centro di 25mila metri quadrati ricoperti di alberi da frutta, ortaggi e verdure. Gli ingredienti per piatti ricchi di sapore sono coltivati senza trattamenti chimici e appena pronti passano direttamente in pentola o nel piatto. L’orto copre circa 15mila metri quadrati in cui sono coltivati ortaggi e verdure selezionate per tipicità ma anche per le qualità nutrizionali. Nel vicino bosco crescono più di 50 varietà di alberi da frutta, piante officinali, erbe spontanee commestibili. Gli alberi producono tante specie di frutta, incluse produzioni rare, dai nomi oggi inconsueti ma dai sapori tutti da scoprire e recuperare. Nell'azienda agricola ci sono anche vigneti per la produzione di vini da vitigni autoctoni, oliveti per ottenere olio extravergine d’oliva, allevamento di suini e animali da cortile con sistema biologico. Info www.peppezullo.it

Augusto Zuffa dell’Azienda Vitivinicola Biologica Zuffa di Imola (Bologna) è uno dei 62 "fra i massimi esperti italiani ed internazionali" in materia di agricoltura biologica che hanno contribuito alla stesura del volume Il Manuale del Biologico a cura di Duccio Caccioni e Luisa Colombo pubblicato da Edizione Il Sole 24 Ore, e fatto conoscere al pubblico a Bologna nell’ambito della presentazione dell’Expo 2015. Il manuale contiene in 700 pagine le più aggiornate conoscenze in materia di agricoltura biologica a livello europeo. La fattoria Zuffa produce con agricoltura biologica vini bianchi e rossi Colli d’Imola Doc, spumanti, incluso un Brut ottenuto da uve da coltivazione biologica, come anche un mosto abbinare a stuzzicchini dolci e salati. Info www.zuffa.it