Seguici

La denominazione di origine protetta per il Fiano pugliese, uno dei vitigni storici, che sembra sia coltivato in Puglia dai tempi degli Angioini, muove i primi passi. Alcuni produttori vitivinicoli hanno sottoscritto a Bari nella sede dell’assessorato regionale alle Risorse Agroalimentari l’atto costitutivo del comitato promotore della Dop “Fiano delle Puglie”. Hanno aderito le aziende: Botromagno di Gravina in Puglia (Bari), Cardone Vini di Locorotondo (Bari), Paolo Leo di San Donaci (Brindisi), Rivera e Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli di Andria, Tormaresca di Minervino Murge (Bitonto), Torrevento di Corato (Bari), Varvaglione Vigne & Vini di Leporano (Taranto). Presidente del comitato è stato nominato Giuseppe Palumbo amministratore delegato di Tormaresca. Vicepresidente è Sebastiano de Corato della Cantina Rivera. Un ruolo importante nel cammino verso il riconoscimento della nuova denominazione è svolto dal Movimento Turismo del Vino Puglia, promotore della costituzione del comitato, che, insieme ad Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria, presenterà al Ministero delle Politiche Agricole, la domanda corredata dalla relazione tecnica scritta dal professor Antonio Calò con la collaborazione dell’Accademia della Vite e del Vino. Come ha evidenziato Dario Stefàno, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, l’iniziativa contribuirà a rafforzare il disegno regionale di ridurre il numero delle Doc pugliesi raggruppandole intorno ai vitigni autoctoni, oltre a legare a un elemento fortemente identitario della vitivinicoltura pugliese, com’è il Fiano, un disciplinare di produzione di alta qualità. Giuseppe Palumbo ha spiegato che il comitato vuole riscoprire e valorizzare la storia di una produzione da circa un secolo riconosciuta come campana ma che, da sempre, affonda le sue radici in Puglia. L’avvio delle pratiche per il riconoscimento nasce dalla necessità di produttori, Regione e Movimento Turismo del Vino Puglia, di riappropriarsi di questo vitigno, garantendogli il giusto rilievo anche formale. Info www.mtvpuglia.it

L’Archivio della famiglia e dell’impresa Amarelli di Rossano (Cosenza), conservato nel Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli”, è stato dichiarato d’interesse storico particolarmente importante con decreto del Direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Calabria. L’archivio, ordinato e inventariato, abbraccia un arco temporale che va dal 1445 al 1986, ben cinquecento anni di storia di una fra le più importanti famiglie dell’Italia meridionale e di un’industria, quella della liquirizia, che da oltre due secoli è un fiore all’occhiello dell’economia calabrese. L’interesse storico dell’archivio deriva dal patrimonio di storie personali, familiari e sociali, una fonte unica per raccontare e testimoniare non solo la storia delle aziende del Mezzogiorno ma anche per la conoscenza delle varie fasi di lavorazione della liquirizia e dei percorsi della commercializzazione del prodotto. Il complesso documentario è costituito da pergamene e da migliaia di volumi e fascicoli e presto sarà ufficialmente presentato e aperto alla consultazione. La famiglia Amarelli, oltre a tutelare e valorizzare la documentazione storica, progetta di realizzare studi, ricerche, convegni, pubblicazioni sul tema dell’imprenditorialità in Calabria. Info www.museodellaliquirizia.it

Lanson, la prestigiosa Maison di Champagne distribuita in Italia da Duca di Salaparuta, ha realizzato per il Brut Rosé una speciale confezione dedicata a tutti gli innamorati per festeggiare un romantico San Valentino. Prodotto per la prima volta nel 1950, ancora oggi dopo 50 anni, il Rosé Lanson è uno dei più amati champagne rosé al mondo. Fedele allo stile della Maison, caratterizzato dalla freschezza e dalla ricchezza aromatica, è ottenuto da uve pinot noir, chardonnay e pinot meunier. Un uvaggio che nel bicchiere sprigiona un bouquet raffinato, con note di rosa e frutti rossi, e conferisce un gusto fresco, intenso e morbido. Un fine perlage anima il suo tenue colore rosato. L’elegante confezione contiene una bottiglia del pregiato Champagne e due flute rigorosamente rosa. In vendita nelle migliori enoteche a 70€. Info www.duca.it e www.lanson.com