Seguici

Il 14 e il 15 giugno Franciacortando, la manifestazione enogastronomica organizzata dalla Strada del Franciacorta per valorizzare le eccellenze del territorio, proporrà il tema dello Street Food, con 7 chef stellati italiani ospiti di 7 chef franciacortini a cimentarsi con il Cibo di Strada. Sarà uno street food d’autore con piatti reinterpretati da coppie formate da uno chef ospite e uno chef del posto e presentati al pubblico in 7 luoghi diversi lungo la Strada del Franciacorta corrispondenti alle 7 tappe tematiche della rassegna (Baby, Social, Books, Kitchen, Green, Music, Sport). Piatti della tradizione preparati con ingredienti locali saranno abbinati a calici di Franciacorta Brut e a un piccolo dolce (costo 10€ con calice in omaggio oppure 8€ con bottiglietta di acqua invece del vino). Un servizio di bus navetta accompagnerà i visitatori nei punti dedicati, nelle cantine e nelle aziende di prodotti tipici, dalle grappe ai salumi e ai formaggi, che organizzeranno percorsi di visita e di degustazione. Sabato sera si potrà scegliere fra le Cene d’autore a quattro mani o i Franciacortando Ristotour in trattorie e agriturismo. Domenica i 14 chef si riuniranno al Castello di Passirano presentando tutte le ricette create per Franciacortando 2014. Da mezzogiorno alle 20, biglietto di ingresso 6€. Sono in programma anche tour in bicicletta, nordic walking fra le vigne e passeggiate a cavallo. Un’altra occasione per scoprire i paesaggi del vino sarà la seconda edizione della Maratona della Franciacorta, dal 18 al 20 luglio. Info www.stradadelfranciacorta.it

 

Arte e cibo rappresentano sempre un binomio interessante e un esempio lo offre il Panareo Art Project, il progetto di arte contemporanea ideato da Alessandro Zezza, proprietario della Masseria Panareo di Otranto e seguito dalla curatrice d’arte Francesca Nannini di You-art. Di anno in anno artisti internazionali sono ospitati nella masseria e sul posto realizzano opere legate al territorio, in un’esperienza, che coniuga tradizione, cultura e natura per tracciare un inedito percorso di reinterpretazione dei luoghi del Salento. Prima ospite è stata Alison Johnson, pittrice astratta inglese, mentre quest’anno ci sarà la food designer Ines Lauber, che realizzerà un’originale cena. Nella masseria circondata da pineta, macchia mediterranea e frutteto l’artista allestirà Salento Sauvage Un viaggio culinario contemporaneo attraverso la Puglia, una cena in 5 atti che avrà luogo sabato 31 maggio, dalle ore 20,30. Dall’aperitivo nell’uliveto a bordo piscina alla cena nella sala ristorante si potrà godere di atmosfere, decori e sapori legati all’arte contemporanea, ispirati dal Salento. Costo 50€ a persona, parte dell’incasso verrà devoluto in beneficenza all’Ail Salento (Associazione Italiana Linfomi, Mielomi e Leucemie). Info www.masseriapanareo.com

 

Domenica 25 maggio degustazioni e visite ai saloni del Castello di Torre in Pietra in occasione di Cantine Aperte, che quest’anno coincide con Cortili Aperti; la prima iniziativa è promossa dal Movimento Turismo del Vino, la seconda dall’associazione Dimore Storiche Italiane. Per gli appassionati di vino l’appuntamento è dalle 10 alle 18 con i prodotti di Filippo Antonelli e Lorenzo Majnoni, proprietari della cantina alle porte di Roma. I vini in degustazione saranno i bianchi di vermentino e chardonnay della Igt Costa Etrusco Romana, e il Rosato da uve syrah, che saranno proposti in abbinamento con altri prodotti dell'azienda: ceci, farro, pasta di farro, pane con olio extravergine di oliva, miele. Tra i vini prodotti troviamo i bianchi l'Elephas, ottenuto da un uvaggio di trebbiano, malvasia puntinata e vermentino; lo Chardonnay Igt Costa Etrusco Romana, ottenuto in purezza; il Vermentino Igt Costa Etrusco Romana, da uve vermentino da sempre presenti anche in questa area del litorale tirrenico, ottenuto con analogo metodo di vinificazione dello Chardonnay; il Macchia Sacra, un Igt Lazio ottenuto da uve fiano e malvasia puntinata; e infine lo spumante Brut di Castello di Torre in Pietra, ottenuto da chardonnay in purezza. Tra i rossi l’Elephas, ottenuto da un uvaggio di montepulciano, sangiovese, cesanese e merlot; il Terre di Breccia, Lazio Rosso Igt, da montepulciano, sangiovese e cesanese; il Merlot e il Syrah, entrambi in purezza sempre con la Igt Costa Etrusco Romana. E infine il rosato Searà (il nome che gli operai locali danno al vitigno syrah) ottenuto da una permanenza di una notte sulle bucce. Dal 2011 tutti i vini imbottigliati dalla cantina sono certificati Bio. La cantina Castello di Torre in Pietra si trova a circa 25 km da Roma, nel comune di Fiumicino, all’interno del Castello di Torre in Pietra, un borgo medievale, a ridosso della torre da cui prende il nome l’azienda, in uno scenario di grande bellezza. Il cortile sarà aperto liberamente dalle ore 13 alle 18; invece nei saloni del piano nobile verranno organizzate visite guidate a pagamento (5€), sempre nel pomeriggio, su prenotazione telefonica (tel 06.61697070 ) o via email. Info www.castelloditorreinpietra.it