Seguici

 

testi di Antonella Burdi

 

La Casa di Alti Formaggi di Treviglio (Bergamo) è stata realizzata per promuovere e valorizzare la produzione casearia lombarda di Taleggio, Provolone Valpadana, Salva Cremasco e Quartirolo

Nasce come uno spazio aperto e condiviso, un luogo dedicato alla promozione delle Dop casearie lombarde. E’ La Casa di Alti Formaggi, recentemente inaugurata a Treviglio (Bergamo) su iniziativa dell’Associazione Alti Formaggi, che comprende i Consorzi di Tutela del Taleggio, del Provolone Valpadana, del Salva Cremasco e del Quartirolo Lombardo. La Casa di Alti Formaggi valorizzerà i prodotti anche proponendo ricette e abbinamenti preparati nell’ampia cucina-laboratorio, fornita di attrezzatura professionale da ristorazione, e presentati nella sala, che ha una capienza di una cinquantina di posti. Convegni, dibattiti, presentazioni gastronomiche, pensate per approfondire le caratteristiche dei singoli formaggi, fasi di produzione, stagionatura, aspetti nutrizionali e legame con il territorio, coinvolgeranno istituzioni, produttori, operatori del settore e consumatori. Per cominciare La Casa di Alti Formaggi ha predisposto un calendario di eventi gratuiti in programma a ottobre, novembre e dicembre, con la partecipazione di esperti, chef e giornalisti, secondo il tema di ciascuna serata.

 

L’Associazione Alti Formaggi riunisce oggi 72 caseifici, 83 stagionatori, 1.255 confezionatori e 2.764 aziende agricole e, dopo i primi sette mesi di quest’anno dichiara oltre 11mila tonnellate di formaggio Dop prodotto, pari a quasi 4 milioni di forme e 100 mila tonnellate di latte trasformato. L’anno scorso il 13 per cento della produzione dei Consorzi è stata esportata.

 

La Casa di Alti Formaggi di Treviglio (Bergamo) ha un’ampia cucina-laboratorio, fornita di attrezzatura professionale da ristorazione, e una sala da circa 50 posti per convegni, presentazioni e degustazioni
Il Taleggio Dop è un formaggio morbido e dal sapore pieno e fruttato, da gustare, per esempio, con pane e noci ma anche ingrediente cremoso che fonde facilmente per arricchire primi piatti come paste, risotti, zuppe, polenta, secondi piatti, alcuni tipi di pizza e crêpes. Il Provolone Valpadana Dop, di consistenza più compatta, è prodotto nelle versioni dolce e piccante e si può consumare crudo, con il pane o condito con mostarda di Cremona, mieli e alcune confetture. Il Salva Cremasco Dop si degusta a 4 o 5 mesi di stagionatura, quando il suo sapore è aromatico e fragrante, o anche più stagionato, fino a 12 mesi, con un gusto più accentuato ed è ottimo anche con insalate e pomodori. Infine il Quartirolo Lombardo Dop si presenta privo di crosta dopo 5 giorni dalla produzione, pasta bianca cremosa e sapore appena acido; stagionato dopo 30 giorni acquista una crosta sottile e morbida di colore grigio-rossastra e un sapore molto aromatico. Si mangia così com’è o condito con olio e pepe, ma si presta anche per la realizzazione di primi piatti a base di pasta e riso. Info www.altiformaggi.com

 

comments powered by Disqus