Seguici

Clicca qui per trovare le cantine della regione Lazio

Il Lazio è una regione ancora poco conosciuta e apprezzata per il vino, ma questa mancanza di notorietà può nascondere belle e buone sorprese. Le diversità climatiche e ambientali delle diverse provincie sono un aspetto caratteristico della vitivinicoltura del Lazio. A nord, in provincia di Viterbo, in uno scenario che ricorda la Toscana e l’Umbria le principali zone enoturistiche sono nei dintorni del lago di Bolsena, dove si producono il rosso Aleatico di Gradoli (vicino al paese omonimo) e il bianco "Est Est Est", vino simbolo di Montefiascone, una bella cittadina in cima a un colle a 640 metri d’altezza con vista lago. Tra i monumenti di Montefiascone: la Rocca dei Papi, abbellita e restaurata (tra il 1058 e il 1500 a Montefiascone vennero 30 Papi diversi); e la Cattedrale di Santa Margherita, con una maestosa cupola, la terza in Italia per ampiezza del diametro. Altre aree di produzione nel viterbese sono ai confini con l’Umbria (Doc Orvieto) e la provincia di Roma (Doc Tarquinia e Doc Cerveteri).

 

In Sabina la produzione di vino non è importante al pari dell’olio extravergine di oliva, però bianchi e rossi da bere giovani sono prodotti in particolare sui Colli della Sabina Doc, un’area che abbraccia vari comuni delle province di Rieti e Roma, come Poggio Mirteto, Fara Sabina o Mentana.

Attorno alla capitale troviamo tante altre zone di vini Doc, spesso sovrapposte in parte tra loro. La più nota area produttiva è quella di origine vulcanica dei Castelli Romani, dove sono prodotte le Doc: Castelli Romani, Colli Albani, Velletri, Zagarolo, Marino e il famoso vino bianco Frascati. Tra le principali attrattive dei Castelli il lago di Castel Gandolfo, o lago Albano, con i suoi fondali a 170 metri è il più profondo d’Italia. A Frascati, invece, sull’altura all’ingresso del paese si apre alla vista la bella Villa Aldobrandini.

“Pupitres” nella Cantina del Tufaio, ai Castelli Romani. Qui si produce anche spumante metodo classico Castello di Torre in Pietra, storica cantina vicino Roma, sulla via Aurelia

A est di Roma, a ridosso della valle dell’Aniene, troviamo due zone di rossi: l’area del Cesanese di Affile Doc e un po’ più a sud quella del Cesanese di Olevano Romano, verso gli altipiani di Arcinazzo, territorio di estese abetaie di sapore alpino.

 

 

La riviera di Ulisse, sullo sfondo Sperlonga e Terracina, zona di produzione del Moscato di Terracina

Tutt’altro scenario incontriamo in provincia di Latina, nelle aree preappenniniche del Cori Doc e in quelle pianeggianti della Doc Circeo, vino prodotto anche sui terreni della bonifica delle terre Pontine. Tra i vini bianchi e rossi leggeri, e l’autoctono Moscato di Terracina, un bianco secco, amabile o dolce passito, che nasce dai vigneti della costiera di Ulisse. Siamo in zone di spiaggie e mare, molto battute dai romani. Più a nord c’è Sabaudia, elegante cittadina dalle architetture razionaliste. Oltre il bel parco nazionale del Circeo c’è San Felice Circeo, sull’omonima penisola dove Ulisse - narra la leggenda - incontrò la maga Circe. Verso sud si arriva a Terracina, rumorosa cittadina di mare con un centro antico di grande interesse, sormontata dall’imponente Tempio di Giove Anxur, del I secolo a.C., sul monte Sant’Angelo a 227 metri d’altezza.

 

Luoghi da non perdere

Villa Aldobrandini, il simbolo architettonico di Frascati

A Frascati sull’altura all’ingresso del paese si apre alla vista la seicentesca Villa Aldobrandini, la cui storia è intrecciata con il Papato e le più importanti famiglie romane. I lavori di costruzione furono eseguiti dagli architetti Giacomo della Porta, che progettò l’edificio per conto del cardinale Pietro Aldobrandini. Gli architetti Carlo Maderno e Giovanni Fontana furono gli ideatori ed esecutori dell’apparato decorativo e architettonico del giardino all’italiana. All’interno della Villa molti affreschi barocchi e manieristi, dei fratelli Zuccari, del Cavalier Arpino e del Domenichino. Di gran pregio il Teatro delle Acque, dove il Papa e la sua corte potevano ammirare giochi d’acqua e i rumori delle fontane. Visite su prenotazione tel 06.94549045

comments powered by Disqus