Seguici

Tra castelli, orti botanici e cantine scavate nella roccia si bevono vini di qualità. Un viaggio nella provincia di Bolzano, partendo dalla vite più grande e - forse - più antica del mondo

 

1G: MERANO

Operai all’opera nei Giardini botanici del Castello di Trauttsmansdorff, a Merano Il Binocolo dell’architetto altoatesino Matteo Thun si affaccia su Merano e il Giardino del Castello di di Trauttsmansdorff

Arrivo a Merano e sistemazione presso l’Hotel Pienzenau. Successivamente visita ai Giardini del Castello di Trauttmansdorff, conosciuti anche come Giardini di Sissi, in ricordo della visita dell’Imperatrice d’Austria Elisabetta d’Asburgo nel 1870. L’area attorno al Castello di Trauttmansdorff, è stata trasformata in un giardino botanico, ricco di 7mila specie del mondo, tra cui una collezione di oltre 100 vitigni del mondo, più un pergolato avvolto dai rami delle viti native dell’Alto Adige e il Tabernacolo, che custodisce vinaccioli altoatesini di 2.400 anni di età; un seme della vite forse più antica del mondo (il Versoaln). Pranzo presso il ristorante dei Giardini del Castello di Trauttmansdorff. Nel pomeriggio si proseguirà con la visita di Merano, di notevole importanza il Duomo del 1310 (Chiesa di San Nicolò), l'interno della cattedrale è spettacolare, con dipinti, sculture e affreschi; la Torre delle Polveri e il Kurhaus. Cena in ristorante locale e pernottamento.

 

2G: MERANO – PRISSIANO – MERANO

Un paesaggio di vigne nei dintorni di Merano

Prima colazione in Hotel. Partenza per Prissiano dove si visiterà il Castello di Kaltzenzungen, il quale ospita la vite più grande e più antica del mondo; un’unica pianta (il Versoaln), che abbraccia con rami e foglie 350 metri quadrati di pergola, attorcigliandosi ai pali di castagno. Pranzo presso il Castello. Nel pomeriggio ritorno a Merano e visita al Castel Rametz, una realtà vitivinicola con oltre 700 anni di storia e che comprende al suo interno il Museo del Vino e le cantine storiche del 1850 tutelate dai Beni Culturali. Cena presso il ristorante del Castello Rametz. Pernottamento.

 

3G: MERANO – CALDARO – MERANO

Le suggestive cantine di Erste & Neue, a Caldaro, affrescate dall’artista Robert Scherer Fusilli al pesto con scaglie di pecorino. Piatto del ristorante dello Schloss Hotel, nel centro di Caldaro
Prima colazione in Hotel. Partenza per Caldaro, località che si sviluppa attorno ad un lago caldo. Visita alla Cantina Laimburg, che nasce come cantina di produzione e cantina sperimentale all’interno del Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale della provincia di Bolzano, da visitare le spettacolari cantine nella roccia, scavate nelle pareti di porfido della montagna. Successivamente visita alla Cantina Lieselehof, seguita con cura dal produttore Werner Morandell, che gestisce all’interno della sua azienda una vigna da collezione, il “vigneto dell’assemblaggio”, con oltre 300 varietà del mondo: molte italiane, francesi, austriache, ma anche spagnole, romene, sudafricane e addirittura varietà da tavola giapponesi, olandesi e russe. Pranzo presso la cantina o ristorante selezionato dai giornalisti di The Wine Traveller Club. Ritorno a Merano, pomeriggio e cena di arrivederci in ristorante locale. Pernottamento.

 

4G: MERANO

Prima colazione in hotel e check-out.

 

L’itinerario esposto è solo un esempio di molte opzioni proponibili. Contattateci specificando date e luogo di arrivo e partenza, numero di persone e suddivisione nelle camere e invieremo una nostra proposta con prezzi entro 24 ore!

 

Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

comments powered by Disqus