Seguici

 

testi e foto di Alessandra Cortesi

 

La campagna di Parrano (Terni)All’Eremito ogni particolare richiama la spiritualitàChe dopo aver speso millenni per migliorare le proprie condizioni fisiche, l’uomo avrebbe deciso di dedicare le sue attenzioni anche all’anima è una riflessione che in Marcello Murzilli è maturata tempo fa, avendo sperimentato egli stesso cosa voglia dire passare da una condizione di povertà a una di generosa ricchezza. Nato in una famiglia di sei fratelli, Marcello è l’ideatore di El Charro, il marchio di abbigliamento che ha spopolato negli anni Novanta, e dell’Hotelito Desconocido, in Messico, primo eco-hotel di lusso al mondo, prototipo di un ritorno all’essenziale. La stessa filosofia che, in chiave ancor più intima e spirituale, ha trovato espressione nel nuovo Eremito, l’Hotelito del Alma, realizzato in Umbria, culla della spiritualità in Italia. Si trova nella campagna di Parrano (Terni).

 

La struttura è stata realizzata da Marcello MurzilliL’intuizione, dopo la profusione di hotel con spa, è stata quella di dar vita “al primo resort dell’anima, un posto per peccatori che vogliano migliorarsi”, improntato alla semplicità francescana e immerso nella natura per incoraggiare un dialogo con il proprio Io. Non c’è aspetto della struttura che non miri a questo, a iniziare dalla location, tra Todi e Ficulle, racchiusa in oltre 3mila ettari di riserva naturale e raggiungibile in jeep, dopo 7 km di strada sterrata. Chi arriva in auto deve rassegnarsi a parcheggiarla al ponte – primo passo verso la liberazione dai fardelli della vita materiale – e proseguire in jeep con Enzo. Anche la preparazione del bagaglio merita una riflessione: gli ospiti sono invitati a concentrare in una sacca tutto il necessario, perché “lo Spirito dell’Essenziale si impadronisca di Voi”, scrive Margherita, angelo in carne e ossa dell’Eremito, a chi si appresta a mettersi in viaggio. In effetti una valigia extra-large stride con l’atmosfera intima della struttura, costruita con mattoni di pietra trovati in loco, secondo i dettami della bioedilizia. Ma, soprattutto, striderebbe con le “celluzze”, le camere singole ispirate agli antichi eremi medioevali, prive di frigo-bar, televisione e connessione internet. Dopo tutto, qual è il vero lusso del terzo millennio se non rilassarsi indisturbati senza traffico, brontolio della televisione o il continuo squillare dei telefoni? In compenso, ogni “celluzza” è un’alcova per lo spirito, invitato a librarsi e a sorvolare la valle incontaminata che si apre alla vista dallo scrittoio in pietra.

 

Una sala dall’EremitoSiamo in cucinaLa biancheria è in pregiato tessuto di canapa, dei primi del Novecento, filato al telaio come si faceva con gli antichi corredi. Le tendine che nascondono il piccolo bagno e la nicchia-armadio sono in juta grezza, come i sai indossati dai monaci. Una rampa di scale ci conduce a una cappella privata, per credenti di qualsiasi fede o laici riflessivi, e a un piccolo terrazzo, che la notte offre un’incredibile vista della volta celeste. I pasti si consumano in comunione nel refettorio (in estate sotto un bel pergolato di vite), davanti a un camino in pietra e alla luce delle candele. La cucina, rigorosamente vegetariana, utilizza i prodotti freschissimi dell’orto, coltivato secondo il calendario lunare, e quando non sono sufficienti frutta e verdure sono fornite dai contadini della zona. L’Eremito ha una semplice area benessere, con una piccola e suggestiva piscina scavata nella roccia e il bagno di vapore con sedute e pareti rivestite in pietra. Al mattino si può fare yoga per ricaricare le energie, mentre in cucina Enzo sforna il pane, da accompagnare con l’Eremitella, la squisita crema da spalmare brevettata da Margherita. La giornata trascorre tra letture, conversazioni o passeggiate nei boschi, fino al vicino paesino di Cantone o, giù per la vallata, fino al fiume, nel quale è possibile – ancestrale e inappagabile alternativa alla piscina - fare il bagno. Il conto di 235€ a notte a persona, include colazione, pasti, area relax, bevande e tisane servite, transfer in gip. Info www.eremito.com

 

comments powered by Disqus